Myrddin di Avalon – Maurizio Vicedomini


A cura di: Marco Montozzi
Recensione: “Myrddin di Avalon” (2012)
Autore: Maurizio Vicedomini
Ed: Diversa Sintonia

E’ sempre un piacere leggere buoni libri, specie se l’acquisto è casuale e legato a un autore ancora poco conosciuto e a una casa editrice che si sta facendo largo.
Myrddin di Avalon è stata una piacevolissima sorpresa e non soltanto perché è una bella storia, ma perché è ben raccontata, si basa su una solida documentazione e lascia ampi margini alla fantasia.

Avalon è la magica isola dei cicli bretoni –quelli legati a Re Artù per intenderci – il cui nome significa “Isola delle mele” o, se traslitterato in celtico, Isola delle fate.
E’ questa infatti una delle dimore della Dama del Lago del ciclo arturiano e uno dei rifugi del Mago Merlino (il Myrddin del titolo) perennemente avvolta dalle nebbie che la proteggono e che al contempo le donano un’aria mistica e atemporale.

Ma Avalon è anche il nome di una stazione orbitante da cui prendono il via le vicende raccontate da Maurizio Vicedomini che vedono protagonista uno storico e una sua allieva fuggiasca nel vortice del tempo.
Troppa carne al fuoco?
Non c’è da spaventarsi, l’autore dosa con saggezza ed efficacia elementi fantascientifici, come quelli del viaggio nel tempo, riuscendo a fonderli in maniera coerente con quelli storici.
Liam Salger, questo il nome del protagonista, si ritroverà coinvolto nel mito di re Artù e della sua nascita, costretto a usare tutte le sue risorse, tecnologiche o meno, per sopravvivere in un’epoca che seppur affascinante e da lui profondamente conosciuta, non gli appartiene.

Quando si parla di viaggi nel tempo le cose non sono mai semplici, bisogna fare conto con i paradossi, con le probabili modifiche al flusso temporale, gli eventuali universi paralleli o tangenti che possono venire a crearsi.
Ed è anche sul piano filosofico che alfine Maurizio spinge la questione, piano che vede affrontare Liam e la sua controparte: la storia può essere cambiata? O siamo vittime, in questo caso consapevoli, dell’ineluttabile destino?

Bio: Maurizio Vicedomini, campano doc, nasce nel 1990.
Ha interessi poliedrici, infatti oltre a scrivere suona alcuni strumenti musicali e si diletta in programmazione.
E’ raggiungibile presso il suo sito: http://www.mauriziovicedomini.com


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *